Cosa attira i fulmini?

5/5 - (1 vote)

I fulmini si attirano con più facilità di quanto si possa pensare.

Il fenomeno dei fulmini è una situazione da non mettere in secondo piano ed è preferibile che si seguano determinate regole durante un forte temporale per diminuire le probabilità di essere colpiti.


I fulmini si abbattono su qualsiasi cosa risulti più alta rispetto all’ambiente circostante, compreso le persone.

Non di rado sono proprio gli uomini ad essere colpiti da un elemento così pericoloso della natura.
I fulmini detti anche saette o folgori vengono quindi attratti da oggetti che sopraelevano il suolo ovvero alberi, campanili, antenne e tralicci ma esiste anche la probabilità che una scarica elettrica raggiunga l’interno di un ed

ificio.
Questo può avvenire quando sulle pareti esterne di un’abitazione si trovano un’antenna o una tubazione perché la scarica è capace di attraversare anche le strutture metalliche.

I fulmini possono arrivare anche all’interno di un’unità abitativa.

Questo potente elemento che si verifica durante tempeste e forti temporali ha la capacità di entrare anche in una casa in cemento armato. In qualsiasi luogo abitativo ci sono conduttori che potrebbero favorire l’entrata di un fulmine come per esempio i cavi di un impianto elettrico o le tubazioni dell’impianto idraulico quindi, il fulmine con estrema facilità potrebbe passare dall’esterno all’interno.

Molte volte si reputano quasi inutili le avvertenze ed i consigli degli esperti ma è di basilare importanza osservare alcune norme affinché ci si possa cautelare da queste saette che ci rendono vulnerabilissimi.

Innanzitutto il fulmine si potrebbe propagare negli impianti elettrici o telefonici quindi è necessario staccare la spina a tutte quelle apparecchiature che solitamente sono in funzione in una casa quali impianti stereo, ricevitori satellitari, computer portatili e cavi telefonici soprattutto per l’incolumità di chi vive nell’abitazione ma anche perché qualsiasi impianto potrebbe essere irrimediabilmente danneggiato.

Naturalmente, durante il corso del temporale è preferibile non utilizzare il Phon, il ferro da stiro o il telefono tranne che non sia un cordless.
Si raccomanda inoltre di evitare di accendere il camino perché la colonna potrebbe fungere da percorso privilegiato per il fulmine.

Un fulmine potrebbe colpire anche le autovetture.

L’automobile pur essendo un rifugio abbastanza sicuro in caso di temporale e caduta di fulmini ha i suoi limiti. Sono sicure solo le vetture con carrozzeria metallica a parte che si eviti di toccare le parti che si trovano a diretto contatto con la carrozzeria tipo l’autoradio ed i vari impianti.
Al contrario non sono reputati rifugi sicuri i camper, le roulotte o le auto particolari come quelle con capotte in plastica.

Cosa attira i fulmini in montagna.

La montagna è un luogo pericolosissimo in caso di temporale per l’elevata altitudine e perché si trovano le cosiddette strade ferrate che attirano i fulmini più di ogni altra cosa visto che sono dotate di cavi e scale in materiale metallico.

Se si viene sorpresi da un fortissimo temporale non bisogna mai ripararsi sotto un albero frondoso che essendo alto, ha più probabilità di attirare le saette.

La cosa più importante da compiere è quella di trovare un bivacco sicuro ma se non ci fosse questa possibilità è consigliabile accovacciarsi per terra meglio se su di un avvallamento del terreno avendo però l’accortezza di eliminare da dosso tutti quegli oggetti metallici come orologi, bracciali, collane o le eventuali picozze e ramponi che si utilizzano durante le escursioni.
Questa roba una volta tolta, va comunque tenuta lontana dal corpo.

Mari e laghi sono luoghi ad alto rischio.

Ricordate che l’acqua è una fonte che attira enormemente i fulmini che disperdono le loro scariche sulla superficie con grave rischio per i bagnanti.

Se si viene colti all’improvviso da un temporale si deve uscire immediatamente dall’acqua e raggiungere un posto sicuro. Non bisogna mai ripararsi sotto gli ombrelloni. Le stesse regole valgono per chi si trova in campeggio in una tenda.

Tenete presente che se non ci dovesse essere un posto dove ripararsi, in tutti i casi descritti è buona regola accucciarsi per terra tenendo la testa tra le ginocchia e aspettare la fine del temporale.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Scroll to Top